Invio dei flussi dati (DATAMART) per il sistema di monitoraggio delle iniziative

Da Wiki Acquisti in rete PA.

In questa pagina verranno illustrate le modalità con le quali gli Operatori Economici (di seguito O.E.) - aggiudicatari di iniziative del Programma per la razionalizzazione degli acquisti - devono inviare a Consip le informazioni sull’andamento delle Convenzioni e/o Accordi quadro che si sono aggiudicati.

Nello specifico, nei casi in cui la natura dell’iniziativa non consenta la rilevazione automatica delle informazioni direttamente attraverso la piattaforma di e-procurement, viene richiesto all’ O.E. di fornire informazioni di dettaglio su come le Amministrazioni stiano utilizzando l’iniziativa stessa.

L’invio delle informazioni di andamento dell’iniziativa avviene attraverso il Portale www.acquistinretepa.it utilizzando la funzionalità “Gestione flussi” presente nel Cruscotto personale del Legale rappresentante/operatore delegato aggiudicatario dell’iniziativa.

Nei successivi paragrafi vengono descritte pertanto le funzioni con le quali l’operatore economico, attraverso la funzione Gestione flussi, potrà mettere a disposizione i dati sull’andamento della fornitura.

Tali attività dovranno essere effettuate periodicamente in base a quanto descritto nel contratto di fornitura. In particolare, il periodo di tempo durante il quale è necessario inviare informazioni inizia con l’attivazione della fornitura del lotto (coincidente o successiva alla stipula del contratto) e può concludersi (a titolo esemplificativo e non esaustivo) con:

  • il termine o l’esaurimento del lotto dell’iniziativa - si applica ai flussi di “ordinato” (ORDx, DTGx, ATTx, DTAx, RPFx, PDIx);
  • il termine dell’ultimo contratto stipulato dall’O.E. con la PA - si applica ai flussi di erogato e penali (ERGx, PENx);
  • la conclusione dell’ultimo adempimento contrattuale relativo all’erogazione dei servizi (es. termine garanzia, manutenzione apparecchiature anche 60 mesi dopo all’ultimo collaudo) - si applica ai flussi di erogato e penali (ERGx, PENx).

Nota “x” è il numero della versione.

Le informazioni di dettaglio su come le Amministrazioni stiano utilizzando l’iniziativa dovranno essere inviate per mezzo di file di dati di tipo testo, con estensione “.txt”, e dovranno adottare la codifica ANSI.

La documentazione contrattuale specifica le regole per la definizione dei flussi dati previsti in Convenzione/AQ.

I file dati dovranno riportare quanto accaduto/monitorato nell’ultimo mese appena trascorso (periodo di riferimento) e/o eventuali recuperi pregressi. I dati relativi ad un periodo di riferimento dovranno essere cumulati ed inviati nel mese successivo ed entro il giorno previsto contrattualmente.

Qualora fosse necessario re-inviare un flusso relativo ad un periodo di riferimento già inviato, occorre contattare il servizio Consip all’indirizzo gestione.flussiconvenzioni@mef.gov.it

Consip si riserva la facoltà di richiedere il rinvio di flussi la cui elaborazione provochi degli errori non sanabili, dando opportuna informativa.

Si ricorda che, anche qualora non ci siano dati da trasmettere per un determinato periodo di riferimento della fornitura, l’operatore economico è tenuto - per non incorrere in provvedimenti - a segnalare questa mancanza attraverso l’apposita funzione “Comunicazione di assenza dati” entro la scadenza prevista.

Non devono essere inviati file vuoti, l’assenza di dati per uno specifico periodo deve essere comunicata con la funzione “Comunicazione assenza dati”.

Da sapere che
Ti ricordiamo che gli utenti di Acquisti in Rete hanno a disposizione diversi canali e materiali informativi per gestire al meglio le proprie attività.

Se però hai un problema tecnico relativo al funzionamento della piattaforma, anche nella esecuzione delle attività descritte nella seguente Guida, è a tua disposizione il numero verde 800 062 060.

Ricordati di prendere nota del n° del ticket assegnato dal Contact Center alla tua richiesta: potrà essere utilizzato in caso di inadempienza contestata da Consip nell’invio dei flussi previsti.


Gestione flussi

Puoi inviare tutti i dati relativi all’andamento dell’iniziativa attraverso il link Gestione flussi, disponibile in ciascun box relativo al singolo strumento di negoziazione del Cruscotto personale del Legale rappresentante/collaboratore abilitato.


Cruscotto imprese per flussi.jpg


Nella sezione Gestione flussi sono disponibili le seguenti funzioni:

  • caricamento dei flussi dati;
  • comunicazione di assenza dati;
  • riepilogo invii;
  • riepilogo scarti.

Caricamento dei flussi dati

La funzione Caricamento dei flussi dati ti consente di inviare – in relazione alle scadenze di invio previste per la specifica iniziativa – i flussi dati sull’andamento della fornitura.

Tale funzionalità ti permette di effettuare l’upload nel portale dei flussi dati da inviare periodicamente per ogni specifico lotto dell’iniziativa (Convenzione/Accordo quadro). All’upload non corrisponde un’immediata elaborazione dei dati ed è per questo motivo che non potrà essere ottenuto un immediato riscontro circa la validità dei dati caricati. Si avrà notizia dei soli problemi riscontrati e non del buon esito dell’operazione di caricamento.

Da sapere che
Per conoscere l’esito del caricamento sarà necessario accedere alla funzione “Riepilogo File inviati” (par. 1.3) in un secondo momento. Il periodo necessario all’elaborazione dei flussi è infatti di alcuni giorni lavorativi e solo al termine di tale elaborazione saranno resi disponibili gli esiti del caricamento attraverso la sincronizzazione con il file degli scarti.


Per accedere alle funzioni di caricamento dati, dal menu principale della Gestione Flussi, seleziona la prima voce del menu: Caricamento file flussi.

Avvia caricamento file flussi

Selezione iniziativa

Nel menu a tendina seleziona l’iniziativa per la quale stai procedendo a caricare il file contenente i dati:

Seleziona iniziativa

Nel menu a tendina compare l’elenco di tutte le iniziative stipulate e attivate. Scegli quella per cui stai caricando i flussi di dati a Sistema.

Seleziona iniziativa

Scelta del tipo di flusso

Una volta selezionata l’iniziativa bisognerà indicare, tra le opzioni offerte, il tipo di flusso dati che si intende caricare sul Portale, ad es. le penali applicate (cfr. documentazione contrattuale).

Seleziona tipo di flusso

Upload del file di dati

Dopo aver selezionato il tipo di flusso dati, con il pulsante Sfoglia seleziona dal tuo PC il file da caricare e procedi con la trasmissione dei dati selezionando il pulsante INVIA.

Upload del file.jpg

Eseguito l’upload (TASTO INVIA) l’applicazione risponde segnalando la correttezza dell’invio e la nuova denominazione del file. Come anticipato, in questa fase si riceverai informazione solo relativamente ai problemi riscontrati e non in merito al buon esito dell’operazione di caricamento.

Conferma avvenuto caricamento

Da sapere che
Il periodo di riferimento della riga del file deve essere univoco:i dati di ogni file devono essere riferiti ad un preciso periodo di riferimento (mese) che, salvo specifiche indicazioni, è il mese precedente all’upload (cfr. documentazione contrattuale). Se uno stesso periodo di riferimento, per una medesima iniziativa/lotto e con medesima chiave logica, viene caricato più volte, sarà scartato. Anche nell’ambito di uno stesso file, la presenza di chiavi logiche duplicate produce lo scarto di tutte le chiavi successive alla prima (per evitare inconvenienti di questo tipo occorre sommare tutti valori relativi alla stessa chiave logica e periodo di riferimento).


Comunicazione di “Assenza dati”

Utilizza questa funzione per comunicare l’assenza di flussi informativi per un dato periodo e ripeti l'operazione per ogni periodo di assenza dati. Si ricorda infatti che anche qualora non ci siano dati da trasmettere in un determinato periodo della fornitura, l’O.E. è tenuto - per non incorrere in provvedimenti - a segnalare questa mancanza attraverso l’apposita funzione.

Dal menu principale delle Gestione Flussi, seleziona la scelta Comunicazione di assenza dati.

Avvia comunicazione assenza dati

Selezione iniziativa

Nel menu a tendina occorre selezionare l’iniziativa per la quale si sta procedendo all’invio della comunicazione.

Seleziona iniziativa

Scelta del lotto

Successivamente, nel menu a tendina seleziona il lotto dell’iniziativa per la quale si sta procedendo a inviare la comunicazione.

Scelta del lotto

Immissione informazioni di assenza dati

A questo punto bisogna seleziona il tipo di file (tipo flusso dati), l’anno e il mese di competenza dell’iniziativa per le quali stai procedendo alla Comunicazione.

Informazioni per Assenza dati

Conferma comunicazione

Seleziona tutti i campi della maschera di comunicazione assenza penali, e procedi con l’invio cliccando INVIA per trasmettere della Comunicazione sul portale.

Seleziona iniziativa

Ricevi conferma dell’invio della comunicazione.

Conferma invio comunicazione

Da sapere che
Per le dichiarazioni semestrali, occorre ripetere il procedimento per ogni mese del semestre per il quale si sta dichiarando la mancanza di dati.


Riepilogo file inviati

Dal menu principale delle Gestione Flussi, per conoscere il riepilogo delle operazioni di caricamento effettuate, è necessario selezionare la sezione “Riepilogo file inviati” per accedere alla specifica funzione.

Visualizza riepilogo file inviati

Visualizzazione lista dei file caricati

Compare una prima lista di tutti i file immessi sul Portale e una seconda lista con tutte le comunicazioni di assenza penali inviate.

La lista si riferisce a tutti i file e alle comunicazioni inviate dall’O.E. nei vari anni per tutte le iniziative che sono state gestite con la sua utenza.

Riepilogo file inviati

Riepilogo scarti

In questa area sono messi a disposizione dell’Operatore Economico gli eventuali flussi che presentano dati errati accompagnati dalle relative segnalazioni di errore.

All’O.E. è richiesto di correggere gli errori e procedere ad un nuovo caricamento del flusso.

Dal menu principale delle Gestione Flussi, seleziona la scelta “Riepilogo scarti” per accedere alla specifica funzione.

Visualizza riepilogo scarti

Tipi di scarti

Qualora l’elaborazione delle informazioni inviate riscontri degli errori, riconducibili all’Elenco dei codici, il Sistema inserisce i record scartati in un file scarto di tipo semantico.

In questo caso, i soli record presenti, devono essere corretti e deve essere effettuato un nuovo upload.

I file scartati per questo motivo vengono riportati nella sezione – Riepilogo scarti – individuabili alla colonna Tipo scarto: Scarto ti tipo Semantico.

Qualora la struttura dei file non sia conforme a quanto previsto dai tracciati record indicati nella documentazione contrattuale il Sistema produce uno scarto di tipo strutturale.

In questo caso il file non può essere elaborato, deve essere corretto l’intero file ed effettuato un nuovo upload.

I file scartati per questo motivo vengono riportati nella sezione – Riepilogo scarti – individuabili alla colonna Tipo scarto: Scarto ti tipo Strutturale.

Visualizzazione lista dei file scarti

A seguito della scelta compare una lista dei file con il corrispondente riscontro delle anomalie di tipo semantico/formale del/i file trasmessi. La lista si riferisce a tutte i file e comunicazioni inviate dall’Operatore Economico nei vari anni per le iniziative gestite da quest’ultimo.

Da sapere che
I file prodotti dal sistema sono compressi e presentano l’estensione “.gz”. Per consultarli devono essere utilizzati dei programmi sw di decompressione (es. winzip, 7-zip, etc.).


Nel caso in cui nel file indicato non fossero presenti errori di tipo semantico, all’interno dello stesso comparirà la dicitura “Non risultano scarti da sanare per questa tipologia di file!”

Tipi di scarto

Da sapere che
Scarto Semantico - L’estensione del file è “01”. In questo file, per ogni tipo di iniziativa/tipo flusso vengono inseriti tutti gli scarti riscontrati dall’applicazione (cumulando gli scarti dei mesi precedenti).


Scarto strutturale - L’estensione del file è: “02”. In questo file, per ogni tipo di iniziativa/tipo flusso vengono inseriti gli scarti dell’ultima elaborazione (anche se ci sono altri file che hanno determinato scarti di tipo semantico). Occorre monitorare e sanare l’eventuale presenza di tali scarti prima dell’invio dei flussi del mese successivo.

Recupero scarti - L’estensione del file è: “01”. Qualora il recupero degli scarti sia andato a buon fine e non ci siano ulteriori scarti, il file conterrà il messaggio “Non risultano scarti da sanare per questa tipologia di file!”</poem>

Altri tipi di scarti

Gli scarti che derivano da file vuoti e record doppi non sono riportati nella “lista dei file con scarti” descritta al paragrafo precedente in quanto non recuperabili senza un intervento dell’Operatore Economico. Pertanto è opportuno procedere a un attento controllo della chiave logica e del periodo prima di procedere con l’upload dei file di dati. Consip si riserva di comunicare gli scarti intervenuti agli Operatori Economici.

Qualora la struttura dei file non sia conforme a quanto indicato nella documentazione contrattuale il caricamento produce uno scarto di tipo strutturale. In questo caso il file non può essere elaborato, deve essere corretto ed effettuato un nuovo upload. I file scartati per questo motivo vengono riportati nella sezione – Riepilogo scarti.

Comunicazioni con Consip inerenti al caricamento dei dati

Per eventuali chiarimenti su questioni inerenti il caricamento dei dati e sulla correzione degli errori è possibile scrivere alla casella di posta: gestione.flussiconvenzioni@mef.gov.it

Non sono disponibili altri canali di comunicazione.

Codici di errore

In questo paragrafo vengono descritti i codici di errore che verranno utilizzati per segnalare gli scarti di tipo formale sui flussi inviati.

Di seguito un esempio di scarto dati:

4997896|7|001516|71272-1|2019|06|CF|UN|30|78 - E101;

Gli scarti di tipo strutturale (es. tracciato differente da quello richiesto) non hanno una codifica di errore ma un’area specifica dove sono evidenziati.

I fornitori dovranno verificare se i flussi inviati presentano scarti.

Elenco dei codici

Nel caso in cui il codice errore sia preceduto da un numero, il numero indicherà il campo del tracciato su cui si è verificato l'errore. Ad esempio “5E004” vuol dire che il "Dato obbligatorio mancante" si riferisce al quinto campo del tracciato.

Codice di errore Descrizione errore
E001 Il campo contiene caratteri speciali
E002 Record con numero di campi diverso dal previsto
E003 Lunghezza del campo errata
E004 Dato obbligatorio mancante
E005 Data formalmente errata
E006 Numero formalmente errato
E007 Parte decimale del numero con più cifre del previsto
E008 Separatore decimale non esatto
E009 Parte intera del numero con più cifre del previsto
E010 Dato non applicabile
E011 Lotto errato
E050 Riga di dettaglio già esistente in archivio
E090 Record già esistente in archivio
E101 Codice sede amministrazione beneficiaria non presente in archivio
E102 Ordine di riferimento non presente in archivio
E103 Mese di erogazione precedente a data accettazione dell'ordine
E104 Dettaglio non esistente su dettaglio ordinato
E106 La coppia di codici fiscali ente-referente non corrisponde a nessun punto ordinante registrato
E107 Data accettazione ordine posteriore a data di invio del file
E108 Codice lotto non presente in archivio
E109 Campo tipo emissione valorizzato in maniera errata
E112 Data accettazione ordine precedente a data attivazione lotto
E163 Flag contributo massimale valorizzato in maniera errato
E164 Flag calcolo massimale valorizzato in maniera errato
E165 Flag tipo modalità di pagamento valorizzato in maniera errato
E166 Codice prodotto già presente in archivio
E167 Codice identificativo prodotto diverso da codice fornitore
E168 Calcolo massimale incongruente con contributo massimale
E169 Codice articolo non presente in archivio per il lotto indicato
E170 Data accettazione dello storno posteriore a data di invio del file
E171 Importo dello storno maggiore dell'importo dell'ordine
E172 Data accettazione dello storno precedente a data accettazione ordine
E173 Importo ordinato già totalmente stornato
E174 Data emissione penale precedente a data accettazione dell'ordine
E175 Codice causale errato
E176 Codice motivo errato
E177 Data emissione penale posteriore a data invio del file
E178 Importo dello storno maggiore dell'importo residuo dell'ordine dopo gli storni precedenti
E190 Data protocollo maggiore della data ricezione
E191 Data protocollo maggiore della data odierna
E192 Data ricezione maggiore della data odierna
E193 Data limite prevista minore di data protocollo
E194 Data limite minore di data ricezione
E195 Data emissione minore di data osservazioni
E196 Data emissione maggiore della data odierna
E197 Data osservazioni maggiore della data odierna
E198 Richiesta preliminare non presente in archivio
E199 Flag proprietà diverso da A,P,M
E201 Atto di riferimento non presente in archivio
E202 Valore non previsto
E203 La quantità di Bene/Servizio ordinata risulta essere inferiore a quella stornata
E204 Importo ordinato risulta essere inferiore a quello stornato
E205 UMMP valorizzato in maniera errata
E206 Codice Ente non corretto
E207 Codice Fiscale Referente non corretto
E208 Flag negozio elettronico valorizzato in maniera errata
E226 Codice lotto non relativo al fornitore
E227 Valore non ammesso per iniziativa senza negozio elettronico
E228 Riga già esistente in archivio ma con alcuni valori diversi
E229 L'importo non può essere nullo
E230 Coppia di codici ISTAT non valida
E231 Codice ISTAT provincia non valido
E232 Codice ISTAT comune non valido
E233 Data accettazione ordine successiva a data fine lotto
E234 Data accettazione atto successiva a data fine lotto
E235 Prezzo unitario applicato anomalo
E236 Importo anomalo
E249 Identificativo ordine errato
E250 Ordine non corrispondente al Codice Fiscale Ente
E251 Referente e Codice Ordine Piattaforma non valorizzati
E277 N.ro Ordine non relativo all'Iniziativa
E278 N.ro Ordine non relativo al Lotto